giovanni-bianchi

La FIVL esprime cordoglio per la scomparsa di Giovanni Bianchi

E’ morto all’età di 77 anni Giovanni Bianchi, già presidente delle Acli e del Partito Popolare Italiano. Era nato a Sesto San Giovanni il 19 agosto 1939 e oltre all’attività politica e sindacale, svolgeva quella di insegnante di filosofia e storia nei licei. Attualmente era presidente dell’Associazione nazionale partigiani cristiani.

Il presidente della Federazione Italiana Volontari della Libertà (alla quale AVL Lucca è federata dal 1950), Francesco Tessarolo, lo ricorda con queste parole: “A nome della Federazione Italiana Volontari della Libertà e mio personale, voglio esprimere tutto il nostro cordoglio per la scomparsa di Giovanni Bianchi.
Ho potuto conoscerlo personalmente solo al Convegno di Milano dello scorso ottobre e mi hanno particolarmente colpito le sue parole introduttive, che insistevano sulla Resistenza come fatto morale e civile, prima che politico o militare per questo vi appartennero militari esperti e giovani che non avevano mai visto un’arma, intellettuali ed operai, rampolli di buona famiglia e gente comune, uomini e donne; tutti intransigenti verso se stessi prima che verso gli altri, “limpidi e diritti, liberi ed intensi” come recita la “Preghiera del Ribelle”, tanto cara a Giovanni.
Anche per questo – termina Francesco Tessarolo -, la sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile, ma proprio guardando al suo esempio, le nostre Associazioni troveranno la forza per continuare a far crescere un’Italia libera, pacifica e democratica”.